VISITA DI ISTRUZIONE ALL’ARA PACIS

Nella giornata di mercoledì 27 aprile le classi del triennio CAT si sono recate all’Ara Pacis Augustea partecipando ad un’interessante visita guidata del relativo museo. Il punto d’incontro per alunni e insegnanti è stato piazza di Spagna da cui si sono poi incamminati verso l’Ara Pacis. Lungo il tragitto si sono soffermati su monumenti e vie di interesse storico-artistico, sui quali alcuni ragazzi della III A CAT hanno esposto una presentazione sia in lingua inglese che in italiano. Il gruppo, per arrivare al museo dell’Ara Pacis, ha infatti attraversato via dei Condotti per poi giungere alla chiesa del Sacro Cuore del Suffragio.

Arrivati a destinazione ragazzi e docenti sono stati accolti da una guida che ha mostrato loro un plastico della Roma antica ai tempi dell’imperatore Augusto e in particolare la zona del Campo Marzio dove era collocato all’epoca l’Ara Pacis. In seguito è stato possibile osservare il monumento da vicino con particolare attenzione ai suoi rilievi e alle sue rappresentazioni. L’Altare, costruito come simbolo di raggiunta pace dopo le campagne di Augusto, è ricco di raffigurazioni, ciascuna con un particolare significato che allude alla grandezza dell’imperatore e alle origini di Roma con riferimenti a Romolo, Remo ed Enea.

Successivamente, sempre nel plesso dell’Ara Pacis, hanno visitato un’avvincente mostra dell’artista contemporaneo Alberto Biasi. Nelle sue opere risaltano giochi di luce, colori e ombre che creano illusioni ottiche in base al movimento e alla posizione dello spettatore. Caratteristica particolare del museo dell’Ara Pacis è la moderna struttura in cui il monumento è custodito. Essa è interamente realizzata in vetro e metallo, è stata progettata dall’americano Richard Meyer ed è stata inaugurata nel 2006.

L’ultima tappa di questa uscita è stata la visita al mausoleo di Augusto, poco distante dall’Ara Pacis, e sulla strada del ritorno, anche quella alla chiesa della Ss. Trinità.

Questa uscita, durata solo poche ore, ha consentito a tutti di vedere e visitare una varietà di monumenti e opere appartenenti ad epoche diverse, “viaggiando” nel tempo e nello spazio: un’opportunità che solo città come Roma possono concedere!

Beatrice Massi III A CAT

Francesco Floriani III A CAT

 

 

Categoria: