FATTI D’ODIO – MASTERCLASS

Il 24 novembre 2020 le classi 5B SIA 5D AFM e 5E RIM hanno partecipato dalle ore 11:00 alle 13:00 all’evento streaming “Fatti d’odio” organizzato dalla Regione Lazio e dal progetto “Io non odio”. Il progetto “Io non odio” nelle scuole è un percorso di sensibilizzazione sui temi del contrasto della violenza maschile contro le donne e degli stereotipi di genere, della promozione della parità di genere e delle pari opportunità.

“Io non odio ha dichiarato in apertura l’Assessora al Turismo e Pari Opportunità, Giovanna Pugliese  è un progetto fortemente voluto dal Presidente Nicola Zingaretti ed è rivolto alle studentesse e agli studenti di Roma e del Lazio nato con l’obiettivo di sensibilizzare i più giovani sui temi della violenza legata agli stereotipi di genere, alla misoginia, all’omofobia, al razzismo, al bullismo ed in particolare al contrasto della violenza maschile contro le donne. La scuola non è solo il luogo in cui si apprendono nozioni, ma è anche quello in cui si cresce e ci si forma come cittadine e cittadini e per questo ha tra le sue responsabilità quella di educare alla cultura del rispetto”.

Il progetto ‘Io non odio, giunto alla sua seconda edizione, prevede percorsi di condivisione culturale per le scuole attraverso diverse attività da declinare nell’ambito della programmazione scolastica, nel rispetto delle misure di contenimento anti Covid-19.

“La novità di questo 2020  ha annunciato Giovanna Pugliese sarà la nostra ‘carovana contro l’odio,  un viaggio, idealmente in pullman o in treno, se le condizioni lo permetteranno, o su una piattaforma web dedicata, oltre i confini dell’intolleranza e della violenza. Un viaggio attraverso storie ed esperienze vissute, ma anche un viaggio fisico, nei luoghi del Lazio, che vedrà protagonisti attivi i nostri studenti e le nostre studentesse. Una carovana che quest’anno coinvolgerà anche i bambini e le bambine delle scuole primarie delle province di Rieti, Frosinone, Latina e Viterbo. Un viaggio per arrivare insieme alla meta, per individuare le ‘parole d’odio’ e costruire, al contrario, un alfabeto contro la violenza e l’intolleranza”.

Categoria: