AL TEATRO ARCOBALENO VA IN SCENA LA MOSTELLARIA DI PLAUTO

Lunedì 11 Aprile le classi seconde del Liceo Linguistico, 2 ALL, 2BLL, 2CLL e 2 DLL, si sono recate al Teatro Arcobaleno di Roma per assistere alla messa in scena della commedia latina di Tito Maccio Plauto dal titolo “Mostellaria”, “La commedia dei fantasmi”.

La commedia, in quanto fabula palliata, è ambientata ad Atene ed ha come protagonista il servo astuto “Trappola”, che farà credere al suo padrone, vecchio e credulone, ma di nome “Azzeccatutto”, che la sua casa è infestata dai fantasmi. Con tante trovate comiche il padrone, rientrato da un lungo viaggio, verrà infatti raggirato da Trappola e tenuto lontano dalla casa, dove il figlio, “Fior d’amore”, se la spassa in compagnia degli amici, ma soprattutto di una prostituta, “Bacciucchiella”, di cui si è perdutamente innamorato. Azzeccatutto scoprirà poi tutta la verità, compreso il fatto che il figlio, per riscattare Baciucchiella, ha dilapidato un patrimonio e si indebitato fino al collo. Nella scena finale, smaltita la rabbia, il pater perdonerà lo sprovveduto figlio e il servo infedele, garantendo così l’atteso lieto fine.

Nonostante alcuni interventi sul testo e sulle scenografie, anche in chiave attualizzante, abbiamo trovato la messa in scena piuttosto fedele al testo originale, letto in classe in traduzione, e allo spirito del teatro comico plautino. Per questo, la visione dello spettacolo è stata oltre che divertente anche molto utile per il nostro percorso di studi.

La mattinata si è conclusa con l’approfondimento condotto da due attori sui modelli greci delle commedie plautine e alcune scelte del regista Vincenzo Zingaro, in relazione ad esempio ai nomi parlanti attribuiti ai personaggi e al ricorso ai dialetti.

È stata senz’altro una bella mattinata, ancor più apprezzata dopo due anni di pandemia.

 

La classe 2BLL

Categoria: